Do not Look per la leadership a Washington

Come è una nazione libera, con un governo stabilito del popolo, dal popolo, per il popolo in modo perso la sua strada? Una rapida lettura dei titoli – la disoccupazione, non è riuscito economia, il terrorismo, in crescita del pubblico e debito privato, i cambiamenti climatici, l’immigrazione clandestina, l’imperialismo americano, fiorente popolazione, aumentando l’inquinamento, dipendenza da fonti estere di energia, cittadini di invecchiamento, ciarlataneria aziendale, il materialismo, il consumismo, la governance in disordine, degrado morale nel complesso – offre senza dubbio un sacco di opportunità per le idee creative e lungimiranti, orientati alla soluzione. È, infatti, il tempo di cambiamento. Dove poi, la gente dovrebbe cercare le risposte? Dove troviamo la leadership necessaria? Certamente non a Washington.

Che gli Stati Uniti, una nazione fondata sui principi di autonomia e autodeterminazione, guarda verso Washington, DC per le risposte è di per sé la migliore indicazione di come terribilmente storto l’esperimento in autogoverno è andato. Guardando a Washington abbiamo completamente preso “auto” fuori dal governo. Le persone più lontane vengono rimossi dagli elementi del potere, tanto meno hanno i mezzi o la motivazione per progettare il loro proprio futuro, guidare il proprio destino, trovare la loro strada collettiva. Senza “noi il popolo”, il governo non è più cercare un connubio perfetto, né stabilire la giustizia, assicurare la tranquillità domestica, provvedere alla difesa comune, promuovere il benessere generale, o fissare il dono della libertà.

Abbandonando nostro ruolo di governatore e di governo abbiamo abrogato la nostra più elementare dei dazi – la nostra più preziosa delle libertà – che diritto ha vinto con il sangue – la possibilità per il governo di sé. Cercando di Washington per la leadership, che si basa su politici di professione per condurre in un sistema guidato dal denaro e interessi particolari, è una ricetta per il disastro – un disastro a venire a fuoco più precisa ogni giorno.

La critica secolare della democrazia è che la cittadinanza è troppo pigro, troppo stupido e troppo egoista a governare realmente se stesso. Gli esseri umani hanno bisogno di un benefattore, un enforcer per la gestione e la disciplina erranti, fuorvianti, personaggi egoisti. Gli strumenti di governo sono troppo preziose e troppo potente per essere lasciato nelle mani delle masse – il grande non lavato. Le persone hanno bisogno solo essere nutriti e intrattenuti. Essi non cercano il lavoro né la responsabilità di governare, con saggezza e giustizia.

Il ritmo, la complessità, gli strumenti e le minacce della vita moderna hanno permesso, le forze di assetati di potere divergenti di sfruttare fragilità umane comuni. Manipolazione di avidità e la paura sono serviti a centralizzare il potere in ostaggio in modo efficace i cittadini degli Stati Uniti sono ora tenuti da innumerevoli norme, una burocrazia senza volto e il potere scatenato di denaro e mass media. Anche se la felicità rimane il nucleo, singolare desiderio; per cause ancora da spiegare, denaro e potere si svolgono come il principale mezzo per raggiungere tale scopo.

Come si entra un’altra stagione elettorale, un po ‘di guardare al governo per la soluzione. Alcuni sguardo al capitalismo sfrenato e libera impresa per inaugurare la prosperità. Alcuni si inginocchiano davanti all’altare della finanza, mentre altri si placare con la promessa di un stato sociale. La retorica sale e scende come un battito ben misurata-. Il tono è melodica, ma le soluzioni non vengono stantio e ancora nato. Gli Stati Uniti è a un bivio. Possiamo continuare a fare affidamento sulle promesse grandiose di qualcosa per niente, la realizzazione senza sacrificio, il successo senza lavoro, senza mietere il raccolto, dove siamo lieti di seguire il pifferaio magico attraverso il prato alle scogliere di malcontento. Oppure possiamo tracciare un nuovo corso, un corso di sforzo collettivo, di lavoro, di dolore, di sacrificio, di rischio. Per questi sono i gioielli della vita, in possesso di tutti, che porta sicuramente alla felicità che cerchiamo.

Per mantenere la promessa che una volta era il nostro destino e potrebbe essere così ancora una volta dobbiamo sognare grandi sogni, esercitare un grande sforzo e prendere un grande rischio. La scelta è tra un lento declino nella povertà e oscurità o assumendo il compito di creare un futuro di promessa e potenziale. La leadership non si trova a Washington – le soluzioni si trovano con voi.

Copyright (c) 2010 Scott F Paradis