Metamorfosi essere adattato per il grande schermo

incredibile storia di Franz Kafka, Metamorfosi, viene portato sul grande schermo per la prima volta – 98 anni dopo che è stato scritto. società di produzione indipendente Interessanti Caratteristiche Ltd filmerà a Halliford Studios, Shepperton dal 11 Gennaio – 12 Febbraio 2010 e il progetto è previsto per aver completato la post-produzione entro l’autunno.

Il film è interpretato Maureen Lipman come Madre, Robert Pugh come il Padre, Laura Rees come la sorella e Chris nuovi come Gregor Samsa. Gli altri membri del piccolo ensemble sono Chloe Howman come Anna, Alistair Petrie come garante, Aidan McArdle, Paul Thornley e Liam McKenna come gli inquilini, e Janet Henfrey come la donna delle pulizie.

Scritto in tre settimane di scoppio alla fine del 1912, straordinario racconto di Kafka in cui un commesso viaggiatore, Gregor Samsa, si sveglia una mattina per trovare se stesso trasformato nel suo letto in una creatura insetto simile verminous a misura d’uomo ha catturato l’immaginazione di generazioni di lettori dalla sua pubblicazione nel 1915.

Eppure, a parte i vari cortometraggi, le versioni animate e film, basata soprattutto la storia di Kafka, ci sono stati solo tre messa in onda di metamorfosi in televisione nel corso degli anni: una produzione tedesca nel 1975 (Die Verwandlung), una versione svedese nel 1976 (Fö rvandlingen), e la versione 1987 della televisione dalla BBC di brillante adattamento teatrale di Steven Berkoff (la metamorfosi) originariamente messo in scena nel 1969.

Per una novella che è uno dei più noti in tutto il mondo da parte di un autore che è comunemente considerato il padre della letteratura moderna, è sorprendente che ci sia voluto così tanto tempo per produrre un lungometraggio del lavoro. O è? La domanda è: può una storia di 60 pagine in gran parte stabiliti nei pensieri di un insetto a misura d’uomo essere un progetto commercialmente valida come un film? La risposta è: molto probabilmente non. Se si decide di ignorare il desiderio di Kafka che l’insetto non dovrebbe mai essere visto, nemmeno da lontano, allora ci saranno problemi fin dall’inizio: in primo luogo, che mostrando l’insetto deluderà gli amanti della storia di Kafka, che hanno il loro proprio concetto di aspetto trasformata di Gregor, e in secondo luogo che costerà considerevoli somme di denaro per mettere la creatura sullo schermo.

La versione svedese affrontato questi problemi in modo molto efficace per non mostrare l’insetto, ma usando la macchina fotografica come suo punto di vista, così rimanendo fedele ai desideri di Kafka e permettendo al pubblico di usare la sua propria immaginazione, così come il risparmio enormi quantità di denaro su FX speciale. produzioni teatrali sono, ovviamente, regolati da diverse esigenze e aspettative. Un teatro pubblico deve vedere Gregor in qualche forma, che di solito è un attore con o senza costume. Nella versione riproposta di Steven Berkoff al The Mermaid Theatre, l’insetto è stata eseguita da Tim Roth, che non ha cambiato il suo aspetto esteriore, ma ha ritratto gli attributi di una creatura insetto simile con uno spettacolo di movimenti caratteristici, in particolare da arrampicata sulle impalcature erette intorno al impostato.

Allora, perché scegliere di mostrare l’insetto? Perché aggiungere alle già notevoli difficoltà di realizzazione di un film, in primo luogo? Il regista Chris Swanton, che ha anche adattato la storia per lo schermo, pensa che l’intensità della commedia e tragedia insita nella storia di Kafka può essere efficacemente messo in evidenza solo se il pubblico vede l’insetto. Egli ritiene che la commedia della risposta degli altri personaggi a vedere l’insetto, che Kafka è vaga, non può essere trasmesso se l’insetto non viene mostrato. Allo stesso modo, la tristezza della decisione del dell’insetto per liberare la sua famiglia della sua presenza gravoso è molto meno potente se la creatura morente non è davanti agli occhi del pubblico. Inoltre, il simbolismo della shell insetto armatura-come di Gregor come espressione di schizofrenia protezione sarebbe perduto se il pubblico non lo vide. Quindi la speranza è che i vantaggi di presentare corpo trasformato di Gregor al pubblico saranno superiori agli svantaggi.

Ai fini di riprese, l’insetto viene creato da una combinazione di fantoccio fisica e CGI. Da un progetto originale di Peter Moulton della scultura macchina, le marionette fisiche – ci sono diverse incarnazioni di ritrarre le varie fasi di declino di Gregor – sono state costruite da Jeremy re FX, e il CGI verranno creati nella post-produzione di Will Rockall di Immagini meduse.

‘CGI è un processo molto difficile’, dice Chris Swanton, ” e con una produzione a basso budget come la nostra, dobbiamo essere molto attenti a dove spendiamo i nostri soldi. In molti modi, meno è meglio. Come in Alien di Ridley Scott, il mostro in agguato è tanto più terrificante per essere visto così poco. Non che stiamo cercando qualsiasi tipo di film horror, ma il principio è lo stesso ‘.

Con tutte le difficoltà di portare Metamorfosi sullo schermo, perché tenta nemmeno vero? ‘Questa è una storia che ho letto quando avevo 18 anni’, dice Swanton. A quel tempo era uno studente di tedesco al King College di Londra, dove ha poi continuato a lavorare in una capacità minore, mentre la scrittura di un dottorato di ricerca sugli aspetti della letteratura tedesca. Si è poi trasferito in Germania per lavorare presso una università bavarese per tre anni, durante i quali ha trascorso l’estate a studiare le tecniche di Bertolt Brecht a casa del Berliner Ensemble, Das Theater am Schiffbauerdamm, in quella che allora era Berlino Est. Dopo il ritorno nel Regno Unito, ha avuto un completo cambiamento di direzione quando si è unito alla BBC per lavorare nelle camere di taglio cinematografico. Vi rimase per 16 anni, vincendo un premio BAFTA nel 1986 per il suo contributo alla serie acclamata bordo delle Tenebre. Egli è stato tormentato dal desiderio di vedere Metamorfosi trasformato in un film per tutti quegli anni, e vuole che qualcun altro aveva fatto a lui risparmiare la fatica. Un articolo in un giornale Domenica ha recentemente affermato che David Lynch aveva voluto fare un film di Metamorfosi, aveva scritto una sceneggiatura, ma era stato spaventato dal costo del FX speciale. “E ‘una vergogna”, dice Swanton, perché sono sicuro che avrebbe fatto un lavoro brillante di esso. The Elephant Man è uno dei miei film preferiti di tutti i tempi, e non vi sono contrassegnati echi della storia di Gregor Samsa nella storia di John Merrick .. anche se non hanno mai manifestato alcun interesse a farlo, penso che i fratelli Coen mi inoltre hanno fatto un grande successo di trasferire la novella allo schermo perché hanno quel meraviglioso senso del bizzarro, macabro e comico che David Lynch ha. Sono anche sorpreso che Steven Spielberg non ha fatto una versione con tutte le risorse a sua disposizione.

Quindi, perché nessun altro si è fatto avanti, Swanton sentiva che non poteva più evitare la coazione a vedere la storia sul grande schermo .. E ‘stato qualcosa che proprio non sarebbe andato via. Come qualcuno con una formazione accademica in letteratura tedesca, l’esperienza artigianale di essere un editor di film per un certo numero di anni, e di un amore travolgente della storia, egli è in qualche parte qualificato per avere un andare.

Avendo deciso di tentare di filmare Metamorfosi, la domanda allora era che tipo di approccio da prendere per portare questo lavoro iconico allo schermo, come ricreare il suo fascino universale e duratura attraverso il mezzo cinematografico, o meglio, come non perdere questa qualità quando il trasferimento dalla pagina allo schermo. La base del successo della storia sta nel suo punto di vista intensamente personale e soggettiva, che è il motivo per cui ci sono tante interpretazioni della sua opera sono le persone che lo leggono. prospettiva e soggettività ripiegata su se stessa di Kafka permettono ai lettori di vedere nella storia ciò che vogliono vedere. Più in particolare, è il tema dello straniero, i non amati, il rifiutato, l’incompreso che ha colpito un accordo nella sensibilità di generazioni di lettori in tutto il mondo. Senza dubbio, il modo migliore per rendere giustizia alla Metamorfosi di Franz Kafka è quello di attenersi il più vicino possibile al testo originale, per consegnare alla storia il più fedelmente possibile, evitando qualsiasi inclinazione particolare. Inoltre, Kafka racconta la sua bizzarra storia nel modo più chiaro e preciso. Si tratta di un evento grottesca all’interno di un mondo naturalistico, che è ciò che rende così irresistibile. Per riflettere questa qualità, lo stile di ripresa deve essere semplice e inalterato, e l’insieme dovrebbe essere del tutto normale. Ci dovrebbe essere nulla distorta o di strano nel modo in cui viene presentata l’azione. La creatura nasce, vive e muore all’interno di una ‘stanza del tutto normale per un essere umano’, come Kafka si mette.

Nessuno coinvolto in questo progetto sottovaluta le enormi difficoltà che incontrano nel fare giustizia alla metamorfosi. Si tratta di una sfida enorme, ma qualcuno, da qualche parte, a un certo momento doveva avere un andare, e questo è esso.